Prodotti e applicazioni
Tra pannelli in truciolare grezzo e fibra, prodotti decorativi nobilitati, rivestimenti, elementi HPL e piani da lavoro, Pfleiderer offre materiali perfetti per tutti i progetti: sicurezza antincendio, arredamenti navali, edilizia in legno o con certificazione ecologica.
background image
Applicazioni
Arredamento e design d’interni
Caratteristiche
magnetico

Duropal HPL Magnetico

Laminato decorativo ad alta pressione magnetico in qualità non postforming. Il retro viene levigato per renderlo adatto all’incollaggio.

Campi d'applicazione: Mobili, pareti divisorie e rivestimenti per pareti con proprietá magnetiche per l´arredo negozi, l’allestimento di fiere, in uffici, scuole, asili, case di cura, strutture pubbliche, ecc.

footer image
Formato in mm Spessori in mm Finiture
Lunghezza Altezza
2.800 2.070 1,2 HG | MP | VV

Norma prodotto

  • Attenendoci a EN 438-9

Massa volumica

  • ≥ 1.350 kg/m³

Reazione al fuoco

  • Normalmente infiammabile

Classe di formaldeide

  • E1 (EN 717-1)

Sicurezza prodotto

  • Produciamo i nostri pannelli senza l´aggiunta di sostanze alogene e/o metalli pesanti, agenti di conservazione, di prodotti di protezione del legno e solventi organici.
  • Questo prodotto è in conformitá con il REACH CE 1907/2006 un materiale non soggetto ai sensi dell' articolo 7 e alla sua registrazione.

Particolarità

  • Lungo tutto il perimetro del laminato, per ca. 2 cm, l’effetto calamita è nullo e il bordo si presenta otticamente differente.
  • L’aggiunta del metallo rende, inevitabilmente, il decorativo e la finitura superficiale differente dall’originale.
  • Sezionatura non disponibile.
  • Per la dicitura con i comuni pennarelli marcatori, si raccomanda la finitura HG; per la dicitura con i gessetti, si raccomandano le finiture VV e MP.
  • Decori in alluminio non disponibili.
  • Altri supporti a richiesta.

Lavorazione

  • Posizionare il pannello con il lato magnetico verso l'alto
  • In generale fare attenzione alle scintille! Disattivare l'aspirazione.
  • Si consiglia la messa a terra dei pannelli da lavorare per deviare eventuali scariche elettrostatiche
  • Vi preghiamo di considerare che per tutto il perimentro del pannello e per circa 2 cm, l´effetto calamita non sará efficace.
  • Per la produzione di pannelli Composite viene consigliata una costruzione simmetrica, cioé ambedue i lati con lo stesso identico laminato. Usando contobilanciature (anche HPL) si potrebbe dare luogo all´imbarcamento del pannello; è quindi sempre indispensabile effettuare delle proprie prove.
  • Ulteriori suggerimenti sulla lavorazione dei laminati sono disponibili presso il sito della ICDLI (www.icdli.com).
  • Si consiglia di eseguire, prima, delle prove di lavorazione.

Macchine ed utensili

  • La lavorazione può essere effettuata su tutti gli impianti ed i centri di lavoro per la lavorazione tradizionale del legno.
  • Si possono utilizzare gli utensili in metallo duro saldobrasato con lame saldate a taglio tirante.
    Non utilizzare utensili diamantati.
  • L'inserto in metallo comporta una usura maggiore degli utensili.
  • Lavorazione con lame parallele:
    - Sega circolare Leitz ‚FerroFix’, forma dei denti FZFA/FZFA, ID 2000636 / 2000322
    - Numero di giri: 1000 U/min
    - Alimentazione: 5 m/min
    - Avanzamento dente: 0,06 mm
    - Velocitá di taglio: 18,8 m/s
    - Sporgenza lama: 15 - 20 mm
    - In corrispondenza della lama, la velocitá di taglio dovrebbe essere ca. di 20 m/s
    - Da evitare eventuali vibrazioni del pannello
  • Lavorazione sui centi di lavoro:
    - Lame Leitz ‚DryCut’, forma dei denti FZFA/FZFA, 169002 / 169003 / 169004 / 169005
    - Numero di giri: 1350 U/min
    - Alimentazione: 3 m/min
    - Avanzamento per dente: 0,03 mm
    - Velocitá di taglio: 18,0 m/s
    - Pretaglio sincronizzato
    - Taglio direzione opposta
    - Da evitare eventuali vibrazioni del pannello
    - Le lame devono essere controllate prima dei lavori. Fare aggiustamenti direttamente nell´impianto (mandrino-lama)

Installazione e montaggio

  • Prima di procedere alla lavorazione e al montaggio è necessario predisporre una normale situazione climatica. I locali devono essere climatizzati a seconda del successivo utilizzo.
  • E' molto importante provvedere ad un'esecuzione e ad un montaggio a regola d'arte conformemente alle ultime tecnologie disponibili.

Stoccaggio, movimentazione e trasporto

  • I pannelli devono essere conservati sempre in posizione orizzontale poggiando perfettamente a filo e con tutta la superficie su di un supporto piano, pulito a condizioni ambiente normali (temperatura 18-25°C, umidità relativa 50-65%).
  • Proteggere dall'umidità e dall'acqua.
  • Evitare l’ esposizione diretta al calore e conseguente essiccamento latente delle superfici tramite radiazione di luce, calore o correnti d’ aria provenienti da impianti di riscaldamento o condizionamento.
  • La presenza di corpi estranei e impurità tenaci nella pila di pannelli può causare danni o lasciare impronte sulla superficie.
  • I pannelli non devono essere trascinati o fatti scivolare uno sull'altro, ma vanno sollevati uno alla volta manualmente o con l'ausilio di ventose.
  • I pannelli accatastati devono essere trasportati su una base sufficientemente larga e solida come, ad esempio, pallet. I pannelli devono essere, infine, fissati per evitare spostamenti.
  • È da tenere presente che qualsiasi stoccaggio non appropriato, indipendentemente dalla sua durata, può deformare i pannelli in modo irreversibile.

Salute e sicurezza sul posto di lavoro

  • Indossare il dispositivo di protezione individuale (DPI) idoneo in base all’attività da svolgere.
  • Durante la lavorazione con operazioni di taglio e levigatura, garantire un'aspirazione sufficiente.

Pulizia e manutenzione

  • La superficie puó essere pulita con acqua ed un detergente delicato. Per rimuovere lo sporco più ostinato, seguire le raccomandazioni nel foglio tecnico "Cleaning of HPL surfaces" (www.icdli.com).

Smaltimento

  • È consigliabile il riciclaggio come materiale (Recycling) o il recupero energetico.

Ufficio Rothschild Francoforte
  • 2010
  • ©Schäfer Trennwandsysteme

Pareti divisorie, porte

Prodotti utilizzati

X