Prodotti e applicazioni
Tra pannelli in truciolare grezzo e fibra, prodotti decorativi nobilitati, rivestimenti, elementi HPL e piani da lavoro, Pfleiderer offre materiali perfetti per tutti i progetti: sicurezza antincendio, arredamenti navali, edilizia in legno o con certificazione ecologica.
background image
Applicazioni
Arredamento e design d’interni
Caratteristiche
sicuro per gli alimenti Individual – stampa digitale a basso rigonfiamento / resistente all’umidità

Duropal HPL Compact Individual con kraft nero

Laminato ad alta pressione compatto con motivi a stampa digitale personalizzati in qualità standard. Con kraft nero e retro bianco.

Campi d'applicazione: Elementi personalizzati per mobili e componenti, in particolare dove si richiede un’estrema solidità, facilità di pulizia e resistenza all’umidità del materiale. Adatto anche quando siano richiesti spessori sottili oppure soluzioni senza bordatura. Per esempio, in ristoranti, negozi, aree sensibili per gli alimenti, ambulatori, ospedali, ambienti sanitari, piscine, saune e spa. Il materiale non è adatto per un uso prolungato in ambienti esterni.

footer image
Formato in mm Spessori in mm Finiture
Lunghezza Altezza
2.800 2.070 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 12 | 13 | 15 HG | MP | SM | VV

Norma prodotto

  • Attenendoci a EN 438-4

Massa volumica

  • ≥ 1.350 kg/m³

Reazione al fuoco

  • Normalmente infiammabile
  • 2.800 x 2.070 x 6 – 15 mm: D-s2,d0 (EN 13501-1, CWFT classificazione senza prove secondo 2003/593/EG)

Classe di formaldeide

  • E1 (EN 717-1)

Sicurezza prodotto

  • In conformità al Regolamento (UE) N. 10/2011 la superficie si presenta fisiologicamente senza pericolo e adatta per un contatto diretto con gli alimenti.
  • La superficie decorativa e l´anima si compongono di piú strati di carta impregnate di resine termoindurenti; queste resine si fondono completamente durante il processo di fabbricazione che sotto l´effetto del calore e dell´elevata pressione si da origine ad un materiale stabile, resistente e irreversibile.
  • Produciamo i nostri pannelli senza l´aggiunta di sostanze alogene e/o metalli pesanti, agenti di conservazione, di prodotti di protezione del legno e solventi organici.
  • Questo prodotto è in conformitá con il REACH CE 1907/2006 un materiale non soggetto ai sensi dell' articolo 7 e alla sua registrazione.

Particolarità

  • Formato massimo del motivo per pannello, trapping compreso: 2.750 mm x 2.030 mm. I motivi più grandi possono essere piastrellati.
  • Sezionatura non disponibile.
  • Fornitura fondamentalmente senza pellicola protettiva.
  • In caso di produzioni successive, possono verificarsi scostamenti cromatici.
  • Essuna responsabilità in caso di richiesta con controbilanciatura sul lato inferiore.

Lavorazione

  • Si precisa che visto la sua naturale composizione, questo laminato si presenta con una struttura un pò piú rigida e fragile dei HPL tradizionali.
  • Se possibile ogni motivo è rotondo serie prodotta con un'eccedenza di circa 15 mm e di conseguenza impostare segni di taglio.
  • Le marcature di taglio dei motivi non sono vincolanti: prima del taglio, ogni formato dei motivi deve essere pertanto controllato.
  • Non è possibile segare o formare i pannelli impilati.
  • Un'assegnazione parallela dei motivi rispetto al bordo delle piastre di supporto non è possibile per motivi tecnico-produttivi.
  • Prima di procedere alla lavorazione e al montaggio è necessario predisporre una normale situazione climatica. I locali devono essere climatizzati a seconda del successivo utilizzo.
  • Per un risultato di taglio ottimale consigliamo di procedere come segue:
    - utilizzare una lama per sega circolare con denti alternati con smusso, ad es. lama GlossCut della ditta Leitz
    - si possono utilizzare anche lame per seghe per legno o con denti trapezoidali negativi
    - regolare l'altezza della sega in modo ottimale
    - utilizzare un gruppo pre-taglio universale
    - prevenire lo sfarfallio del materiale utilizzando ad es. travi o profili pressori
    - lavorare con un avanzamento inferiore rispetto a quello impiegato per i rivestimenti standard
  • Per segare e forare, utilizzare un supporto piano stabile.
  • Si tenga presente che per un risultato perfetto è indispensabile che le lame siano ben affilate e che gli utensili scorrano senza impedimenti.
  • I fori devono essere svasati. I fori passanti vanno maggiorati.
  • Le tranciature e gli spigoli interni devono avere un raggio di min. 8 mm per evitare tensioni nella zona di taglio.
  • Per evitare rigaggi è necessario utilizzare frese con un'elevata precisione di rotazione. La velocità di avanzamento va ridotta nelle zone vicino a bordi, spigoli e punti di taglio.
  • È possibile lucidare le superfici strette nel seguente modo:
    1. levigatura a secco con grana 120/220/400
    2. levigatura a umido con grana 600/1000/1500/2000
    3. levigatura con disco di feltro (grana 6000 e pasta abrasiva finissima)
  • Osservare le raccomandazioni dell'associazione ICDLI sulla lavorazione dei pannelli compatti in HPL (www.ICDLI.com).
  • In base all'applicazione e ai requisiti del materiale, si consiglia di effettuare prima delle prove.

Macchine ed utensili

  • Lavorazione con utensili in metallo duro o lame al diamante sulle tradizionali macchine per la lavorazione del legno.
  • Segehtti, punzoni e taglierine non sono adatti.

Ferramenta

  • Con la tradizionale ferramenta, comunemente utilizzata per il legno massiccio e pannelli in legno.
  • Adatto sono tutti componenti di mobili convenzionali e sistemi di profili Standard.

Installazione e montaggio

  • Prima del montaggio è necessario condizionare tutti gli elementi (rivestimento pareti, supporto) per più giorni. Anche i locali devono essere climatizzati a seconda del successivo utilizzo.
  • Il materiale non è adatto per ambienti dove si potrebbero registrare significativi sbalzi climatici ed eccessiva umidità.
  • Ad installazione avvenuta bisogna che siano garantiti una buona ventilazione posteriore del pannello e l'equilibrio climatico su entrambi i lati.
    Per garantire una sufficiente circolazione dell'aria l'intercapedine deve essere di almeno 20 mm.
    È importante interrompere le strutture sottostanti che corrono in orizzontale nonché gli zoccoli e le parti superiori del rivestimento della parete in modo tale da garantire la ventilazione verticale.
    Evitare l'ancoraggio diretto sul supporto senza intercapedine d'aria.
  • Assicurarsi che tra tutti gli elementi montati sia garantito un sufficiente gioco termico. In caso di combinazione con altri materiali, considerare i diversi coefficienti di dilatazione.
  • Ad installazione avvenuta, verificare che la possibilità di movimento del materiale del pannello sia sufficiente. I giunti vanno eseguiti con fughe e fori passanti maggiorati.
  • Le pareti nuove (in muratura, cemento o intonaco) contengono notevoli quantità di umidità e prima di essere rivestite con pannelli devono essere completamente asciutte.
  • Il supporto non deve essere né umido né instabile. Assicurarsi che siano rispettate la capacità di carico minima e la sicurezza statica in base all'uso previsto.
  • Proteggere la struttura sottostante dalla corrosione.
  • Evitare l’ esposizione diretta al calore e conseguente essiccamento latente delle superfici tramite radiazione di luce, calore o correnti d’ aria provenienti da impianti di riscaldamento o condizionamento.
  • E' molto importante provvedere ad un'esecuzione e ad un montaggio a regola d'arte conformemente alle ultime tecnologie disponibili.
  • Ulteriori informazioni tecniche sugli HPL e/o laminati stratificati, sulle loro lavorazioni e consigli applicativi sono disponibili al sito www.ICDLI.com.

Stoccaggio, movimentazione e trasporto

  • I pannelli devono essere conservati sempre in posizione orizzontale poggiando perfettamente a filo e con tutta la superficie su di un supporto piano, pulito a condizioni ambiente normali (temperatura 18-25°C, umidità relativa 50-65%).
  • Conservare lontano da punti di passaggio, ad es. in aree destinate al carico/scarico.
  • Proteggere dall'umidità e dall'acqua.
  • Evitare l’ esposizione diretta al calore e conseguente essiccamento latente delle superfici tramite radiazione di luce, calore o correnti d’ aria provenienti da impianti di riscaldamento o condizionamento.
  • Evitare l'esposizione diretta alla luce del sole o ai raggi UV, in particolare se si tratta di prodotti imballati con pellicola.
  • I pannelli devono essere conservati sempre in posizione orizzontale poggiando perfettamente a filo e con tutta la superficie su di un supporto piano pulito ricoperto con una pellicola di plastica. Anche il pannello più in alto deve essere ricoperto con una pellicola e con un pannello di copertura che ricopra l'intera superficie.
  • Garantire le stesse condizioni di conservazione anche quando si prelevano pezzi dal bancale.
  • Uno stoccaggio verticale è sconsigliato.
  • È da tenere presente che qualsiasi stoccaggio non appropriato, indipendentemente dalla sua durata, può deformare i pannelli in modo irreversibile.
  • La presenza di corpi estranei e impurità tenaci nella pila di pannelli può causare danni o lasciare impronte sulla superficie.
  • I pannelli non devono essere trascinati o fatti scivolare uno sull'altro, ma vanno sollevati uno alla volta manualmente o con l'ausilio di ventose.
  • I pannelli accatastati devono essere trasportati su una base sufficientemente larga e solida come, ad esempio, pallet. I pannelli devono essere, infine, fissati per evitare spostamenti.

Salute e sicurezza sul posto di lavoro

  • Indossare il dispositivo di protezione individuale (DPI) idoneo in base all’attività da svolgere.

Pulizia e manutenzione

  • La superficie puó essere pulita con acqua ed un detergente delicato. Per rimuovere lo sporco più ostinato, seguire le raccomandazioni nel foglio tecnico "Cleaning of HPL surfaces" (www.icdli.com).
  • Per la pulizia ordinaria è di norma sufficiente passare la superficie con acqua e un detergente delicato. Si possono utilizzare anche solventi quali, ad esempio, benzina solvente, acetone o diluente cellulosico (ad es. per rimuovere segni) in quanto queste sostanze non intaccano la superficie.

Smaltimento

  • E' consigliabile il recupero energetico.

Stand fieristico de Serafini
  • 2014
  • ©Atelier 522

Arredamento per stand di fiere

Prodotti utilizzati

X